“Nardini promuove l’ambiente nelle scuole”
Fonte: Franca Moratti de ilpontino.it

Premio Energie Rinnovabili 2009

Premio Energie Rinnovabili 2009

Il 14 giugno si è tenuta la premiazione del terzo concorso riguardante l’efficenza energetica e le energie rinnovabili.

Nella prestigiosa cornice del Tennis Club di Villa Borghese a Nettuno si è tenuta domenica 14 giugno, in occasione della chiusura dell’anno accademico 2008/2009 dell’Università Civica Andrea Sacchi di Nettuno, la premiazione del 3° concorso indetto da Francesco Nardini rivolto alle scuole riguardante l’efficenza energetica e le energie rinnovabili. Nell’occasione abbiamo rivolto alcune domande al signor Nardini.

– Il concorso dedicato all’efficenza energetica e alle energie rinnovabili rivolto alle scuole sta diventando un impegno sempre più importante, vista la presenza di ben 2 assessori, il dottor Biondi per l’ambiente e il dottor Pedace per la cultura?
“Certamente, visto che il Comune di Nettuno mi ha dato il patrocinio, ma la presenza di due personalità è dovuta anche e soprattutto alla consegna dei diplomi che l’Università Civica ha dato ai partecipanti dei tanti corsi che si sono svolti in questo anno accademico, chiaramente è per me un grande onore consegnare i premi in presenza di due uomini pubblici”.

– Ci spieghi i dettagli di questo concorso.
“Sono da ormai 20 anni un commerciante di termocamini, pannelli solari e di tutti quei sistemi che utilizzano fonti rinnovabili. Vista la situazione socio-economica in cui tutti ci troviamo a subire veri e propri ricatti economici sull’uso dell’energia e soprattutto per gli effetti collaterali che i residui di combustione rilasciano nell’ambiente, ho voluto lanciare l’idea di cominciare a istruire i ragazzi già in tenera età, e a indurli nell’uso ponderato dell’energia, nella ricerca e applicazione su fonti alternative in collaborazione con il Credito Cooperativo di Nettuno e con la D’Orazio Fides di Arpino che hanno finanziato l’iniziativa. Quest’anno siamo alla terza edizione e devo dire di essere molto soddisfatto per l’interesse che sia il corpo docente che i ragazzi hanno manifestato per questo tema”.

– A chi è rivolto il concorso?
“A tutte le classi di Nettuno dalle elementari alle superiori e visto il grande successo credo che il prossimo anno lo allargherò anche al Comune di Anzio e ai bimbi degli asili. Quello che conta è responsabilizzare, fare conoscere, sperimentare, creare coscienze coscienti e consapevoli, nell’uso di energia nelle fonti di energia pulita, nel risparmio energetico, nella raccolta differenziata”.

– Chi ha vinto?
“Il terzo premio, del valore di euro 250, è stato vinto da una seconda elementare, per aver condotto una ricerca sulle varie fonte alternative. Il secondo premio, del valore di euro 500, da una quarta elementare, sempre della Maria Goretti di Nettuno, per aver pubblicato un piccolo manuale per risparmio energetico. Il primo premio è stato vinto ancora dall’Istituto Trafelli, dato a pari merito alle classi congiunte che grazie alla buona volontà dei professori che hanno preso a cuore l’iniziativa, grazie ai soldi vinti alle precedenti edizioni, sono riusciti a produrre delle macchine solari, un inseguitore solare, un generatore eolico, addirittura una macchina a idrogeno, utilizzando pure alcuni congegni elettronici dismessi e riciclati per l’occasione. Sono state realizzate, inoltre, ricerche sulla produzione di saponi ecologici a zero impatto ambientale, che utilizzano elementi semplici, tipo l’olio, il limone e l’alcol”.

Per concludere la nostra breve chiacchierata che cosa vuole aggiungere a quanto ci ha già così brillantemente illustrato?
“Vedo un mondo in futuro più pulito e meno inquinato, ma solo se i ragazzi e le ragazze di oggi, le donne e gli uomini di domani, siano informati su come si può riuscire a farlo. Dunque mi auguro che questa piccola iniziativa sia presa d’esempio per un programma nazionale di educazione scolastica”