Nel 2014 siamo giunti all’ottava edizione del Premio Energie Rinnovabili. Dal primo anno ad oggi, i partecipanti all’iniziativa sono aumentati considerevolmente, così come è aumentato l’interesse per l’impiego di risorse energetiche che aiutino a salvare il Pianeta. Oltre all’immancabile Itis Trafelli di Nettuno, hanno preso parte al premio: la scuola dell’infanzia Italo Calvino, la scuola dell’infanzia Angelo Castellani, la scuola primaria Salvo D’Acqusto, la scuola primaria del quartiere di Tre Cancelli e la scuola media De Franceschi.

Ringrazio in primis – ha detto Francesco Nardini – l’Università Civica per questa bella vetrina e per l’organizzazione. Ringrazio, poi, la Banca di Credito Cooperativo di Nettuno, che anche quest’anno mi ha messo a disposizione 1000 euro da poter elargire come premio alle scuole partecipanti. E siamo ad 8… 8 anni di speranze ed impegno mio, dei docenti, le maestre e i professori. E’ solo grazie a loro che tutto questo è stato possibile”.

Attestati di partecipazione per le scuole Salvo d’Acquisto, Tre Cancelli ed Italo Calvino, terzo premio per la scuola Angelo Castellani, secondo premio per la scuola De Franceschi e primo premio per l’Itis Trafelli con il suo progetto di una casa Global System.

L’Itis – spiega ancora Nardini – ha realizzato un piano integrato di casa autosufficiente  gestita da software per il controllo domotico di tutte le energie rinnovabili sfruttate , dal geotermico al solare fotovoltaico, allo sfruttamento delle biomasse. Cerchiamo soci per questa futura attività chi vorrà partecipare contattando il professore si potrà concorrere ai nuovi incentivi comunitari per l’agevolazione sulle nuove assunzioni  dei neo diplomati”.

Lo scopo del Premio per le Energie Rinnovabili di Francesco Nardini  è quello di formare  nei giovani uomini e donne, coscienze coscienti e consapevoli, per una nuova prospettiva di vita sostenibile.